LinkedIn Ads

I 5 migliori consigli e best practice per i tuoi Annunci LinkedIn

Sarà che sono una sua fedele sostenitrice, ma trovo che LinkedIn, in particolare per il B2B, possa essere davvero una miniera d’oro.

LinkedIn Ads può rappresentare un’importante strumento per ampliare il proprio business. Sviluppare una campagna, però, non è semplice. Sui social network le cose cambiano velocemente… bisogna stare sempre al passo, e la concorrenza ora è molto agguerrita. Se non si conoscono bene le dinamiche, il rischio è quello di spendere molto e non ottenere risultati.

Da marketer curiosa quale sono, ho fatto un po’ di ricerche, studiato e sperimentato. Voglio condividere con voi delle dritte, che a me sono state utili per realizzare campagne efficaci su LinkedIn. 

Dimensione pubblico: non esagerate!

Il consiglio che mi sento di darvi è di non indirizzare campagne ad un pubblico troppo vasto. Se il budget è ridotto, inutile disperderlo ovunque, con il rischio (quasi certo) di non arrivare a nessuno in modo efficace. 

Un pubblico grande porta a performance poco precise che non vi aiuteranno a capire cosa ha funzionato e cosa no, anche in vista di un’ottimizzazione futura. 

Il rischio è anche di essere poco incisivi: colpire più di una volta lo stesso membro, aumenta le possibilità di conversione. Arrivare a una vastità di persone, in modo incostante, significa vanificare ogni sforzo.

Tip n. 1: utilizzate un pubblico ridotto con meno di 500.000 utenti.

Budget grande: meglio dividerlo su più campagne

Il secondo suggerimento va a braccetto con il precedente. Immaginiamo che in questo caso il budget di cui disponiamo sia più grande: supera i 500 euro. Potenzialmente potreste indirizzarvi a un pubblico più ampio, per avere maggiori dati relativi alle prestazioni della vostra campagna. 

Ma anche qui, siamo davvero sicuri che possa essere la strategia vincente? Pensateci bene! Dividendo il budget su più campagne piccole, mettendo in atto un test A/B, possiamo comprendere più agevolmente quale funziona meglio per il raggiungimento dei nostri obiettivi. 

Questo approccio, in sostanza, vi consentirà di raccogliere dati più precisi e segmentati per analizzare meglio le prestazioni e migliorare le vostre prossime campagne.

Tip n. 2: dividete il budget in campagne più piccole.

Paesi: mischiarli non servirà a molto

Un altro suggerimento riguarda la localizzazione delle vostre campagne. 

Ritengo che mischiare troppi paesi all’interno di un singolo annuncio sia da evitare, in particolare se si dispone di un budget limitato. In linea di massima, anche se non è semplice, consiglio ancora una volta un approccio “frammentato”. Perché?

I motivi sono diversi…

  • Selezionare più paesi contemporaneamente non vi farà capire facilmente in quale paese  la campagna ha convertito meglio.
  • LinkedIn, inoltre, non fornisce dati corposi sulle prestazioni per paese. Mischiarli vi potrebbe far sprecare denaro, inconsapevolmente.
  • Infine, scontato dirlo, “più paesi” significa “più pubblico”, ossia dispersione del budget.

Tip n. 3: testare diversi paesi o località separatamente.

Test A/B: mai rinunciarci!

Lo so, lo so… non sono propriamente il massimo della gioia, ma questi esperimenti sono essenziali. 

Quando realizzate due differenti campagne, provando a cambiare solo un componente alla volta mantenendo gli altri simili o uguali, avete l’opportunità di scoprire cosa funziona esattamente meglio per le vostre.

Cosa potete testare?

  • Formati degli annunci (contenuti sponsorizzati, Carousel o InMail);
  • Copie dell’annuncio (due copie di diversa lunghezza);
  • Titoli (sono decisamente impattanti);
  • Segmentazione (testare diversi tipi di pubblico);
  • Banner (ruotare almeno 2 o 3 banner).

Tip n. 4: il test A/B è il TOP!

Monitoraggio delle conversioni: da impostare il prima possibile!

Decisivo! Prima di lanciare qualsiasi campagna bisogna impostare il monitoraggio delle conversioni. Questo strumento è fondamentale per misurare il numero di persone che compiono un’azione di valore sul vostro sito web.

Come impostare il monitoraggio? Ecco gli step per farlo!

  1. Installare di LinkedIn Insight Tag
  2. Creare le conversioni
  3. Rinominare la conversione
  4. Definire le impostazioni di monitoraggio delle conversioni
  5. Monitorare le conversioni, selezionando la campagna

Tip n. 5: non abbandonate una campagna dopo averla lanciata. Monitoratela sempre!

Con qualche consapevolezza in più… adesso il gioco passa a voi!

Condividi questo post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Altre curiosità

LinkedIn Ads

I 5 migliori consigli e best practice per i tuoi Annunci LinkedIn

LinkedIn Ads può rappresentare un’importante strumento per ampliare il proprio business. Sviluppare una campagna, però, non è semplice. Sui social network le cose cambiano velocemente… bisogna stare sempre al passo. Voglio condividere con voi qualche dritta.

Open the chat
Do you have a question for me?
Hello 👋
Can I help you?